Il Contesto

Il progetto si svolge nel dipartimento di Chiquimula, in Guatemala, al confine con l’Honduras, in particolare nella zona di Camotàn che si caratterizza per le sue alte temperature, che possono arrivare fino a 44 gradi centigradi in estate, provocando periodi di siccità prolungata. Le terre in questa zona sono aride: dieci anni fa si seminava nei primi giorni di maggio, mentre ora, a causa dei cambiamenti climatici, si semina a metà di giugno. Si tratta però di una semina rischiosa poiché il mese di luglio è interessato dalla canicola ed è privo di pioggia.

Si è calcolato che in media il raccolto di mais per una famiglia di 7 persone sia circa la metà di quanto servirebbe per un’alimentazione sufficiente e ciò colloca la popolazione in una situazione di grave insicurezza alimentare.

Nei mesi da novembre a febbraio le famiglie migrano in Honduras per lavorare nelle piantagioni di caffè, dove potrebbero percepire un buon reddito ma purtroppo, negli ultimi due anni, il prezzo del caffè è sceso notevolmente, da 35 a 12/15 Euro. A complicare le cose si è aggiunto un fungo (roja), che ha causato perdite anche del 90% della produzione.

Guatemala

Chiquimula, Guatemala

Guatemala

Camotán, Guatemala

 
Gli obiettivi

Il progetto si propone di contribuire all’eliminazione della denutrizione garantendo a tutte le persone  della zona, in particolare alle più vulnerabili, un accesso sicuro a cibo nutriente per tutto l’anno. Grazie all’introduzione di nuove tecniche agroecologiche e alla fornitura di adeguati supporti produttivi, daremo sostegno all’agricoltura familiare e su piccola scala, nell’ambito della quale gli agricoltori consumano direttamente parte della produzione, riservandone un’altra alla commercializzazione per far fronte ai bisogni essenziali della famiglia. Il progetto intende anche migliorare le condizioni igienico-sanitarie nelle comunità d’intervento per evitare la diffusione di malattie virali.

Dettagli di progetto
Paese

Guatemala,

Località

Chiquimula, Camotàn, Rodeo, Muyurcò, Marimba,

destinatari

80 famiglie

 
Le Attività
  • Analisi agroecologica dei suoli che sarà svolta da tecnici del locale CUNORI (Centro Universitario de Oriente) su 24 appezzamenti di terreno di altrettante famiglie.
  • Formazione in agroecologia e sulla conservazione dei suoli ai destinatari del progetto attraverso appuntamenti periodici, tenuti ogni anno, sempre a cura del CUNORI.
  • Realizzazione di sistemi di captazione dell’acqua piovana attraverso l’expertise tecnica dell’Università degli Studi di Firenze, che ha effettuato varie missioni nel corso delle precedenti collaborazioni con Mani Tese e ASSAJO. In particolare, saranno costruiti 10 sistemi di captazione di acqua piovana con relative pompe manuali.
  • Preparazione di insetticidi naturali: saranno tenute 4 formazioni per ciascuna delle 80 famiglie destinatarie del progetto su come realizzare diversi estratti naturali: fogliari, insetticidi e repellenti da applicare alle coltivazioni e agli orti familiari. L’obiettivo è quello di ridurre l’uso di insetticidi, fungicidi e pesticidi chimici, che danneggiano la poca terra fertile a disposizione delle famiglie.
  • Mappatura dei terreni: insieme al CUNORI e alla squadra tecnica verrà geolocalizzato ciascun campo e preparata una pianificazione agricola con i destinatari del progetto, tenendo conto dei risultati dell’analisi dei suoli.
  • Semina: verranno distribuiti e piantati grani basici (mais, fagioli, ecc.) e alberi da frutta.
  • Conservazione di grani basici che prevede la distribuzione di 40 silos da 18 quintali previa formazione dedicata a cura del personale docente del CUNORI e dell’équipe tecnica e la
  • Realizzazione di orti familiari che riguarderà tutte le 80 famiglie destinatarie del progetto. Verrà promossa la semina e la coltivazione di piante native, alimentari e medicinali.
  • Diploma di sovranità alimentare: verranno realizzati due corsi sulla sovranità alimentare che coinvolgeranno in totale 60 persone e si concluderanno con la diffusione di manuali di agricoltura agro-silvestre.
  • Formazione su salute e igiene effettuate dall’educatore nutrizionale di ASSAJO durante visite domiciliari. L’attività prevede inoltre l’installazione di filtri dell’acqua e di stufe migliorate.
  • Campagna di pulizia e disinfezione per limitare la diffusione di malattie spesso letali, quali dengue, chikungunya e zika, trasmesse da zanzare a causa di acqua stagnante e di cattiva igiene casalinga.
  • Identificazione piante medicinali che vedrà anche la realizzazione di una guida per la realizzazione degli estratti naturali.
  • Fiere gastronomiche per diffondere le conoscenze acquisite con le attività di progetto e ottenere un ricavo economico dalla vendita dei propri prodotti.

Partner di progetto

Associazione Santiago de Jocotán- ASSAJO