Il Contesto

Siamo a Bissau, la capitale della Guinea Bissau, dove la tentazione di emigrare per cercare fortuna all’estero è grande, ma i cui risultati sono sovente molto inferiori alle attese.

Guinea-Bissau

Regione di Gabú, Guinea-Bissau

 
Gli obiettivi

Il progetto, della durata di 6 mesi, intende offrire ai giovani delle comunità residenti fonti di sostentamento che rappresentino valide alternative alla partenza e, nel contempo, promuovere l’integrazione sociale ed economica dei migranti di ritorno attraverso la formazione e l’inserimento professionale.

Dettagli di progetto
Paese

Guinea Bissau,

Località

Regione di Gabu,

destinatari

300 persone (di cui 150 migranti di ritorno e 150 membri della comunità di origine).

 
Le Attività

Le attività prevedono la rivitalizzazione del Centro sociale di Antula, l’avvio di una sartoria e quello di una panetteria/pasticceria.

  1. Formazione professionaleIl Centro sociale, fondato nel 2009 dall’ONG locale ASAS DE SOCORRO, verrà ristrutturato e dotato di 15 computer con accessori. All’interno saranno organizzati corsi di informatica per 200 persone e un corso sul “Teatro dell’oppresso” per 100 persone.
  2. Avvio di una sartoriaSviluppo di una sartoria per 15 persone che verrà ospitata dall’associazione giovanile OJUBAP. Le attività prevedono la ristrutturazione del salone, l’acquisto delle attrezzature necessarie, comprese 10 macchine da cucire, e la promozione del laboratorio e dei suoi servizi (rammendatura e riparazione di abiti, produzione e vendita di abiti nuovi) attraverso la radio comunitaria.
  3. Avvio di una panetteria/pasticceriaIl progetto prevede anche la costruzione di una panetteria/pasticceria per altre 15 persone su un terreno fornito da ASAS DE SOCORRRO, la fornitura dell’attrezzatura basata su forni tradizionali e la formazione in panificazione e igiene alimentare condotta da un esperto locale. Verranno inoltre distribuite 5 biciclette per facilitare la vednita di pane e dolci.

Partner di progetto