05/09/2018

Il 30 agosto 2018 si è tenuta le cerimonia ufficiale della firma del terzo accordo fra Mani Tese e il governo della Repubblica del Benin, che autorizza Mani Tese a operare come ONG nello stato africano.
La cerimonia si è svolta a Cotonou presso il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione, in presenza delle autorità del Ministero, del personale dell’ONG e del Console onorario d’Italia in Benin, il signor Vitaliano Gobbo.

Il Rappresentate Paese di Mani Tese in Benin, Achille Yotto Tepa, si è dichiarato molto felice di beneficiare, attraverso la firma dell’accordo, della rinnovata fiducia da parte del governo beninese, che rappresenta per Mani Tese un’esortazione al raddoppio del proprio impegno ed entusiasmo, per contribuire in maniera ancor più significativa agli sforzi di sviluppo del Paese africano.

Fin da quando ha incominciato ad operare in Benin, nel 1979, Mani Tese ha sempre beneficiato del sostegno delle autorità beninesi, indispensabile per la mobilitazione delle risorse necessarie per la realizzazione di numerosi progetti a vantaggio delle comunità del Paese.

La lunga durata della collaborazione fra Mani Tese e il popolo beninese è il miglior esempio della vera cooperazione internazionale – ha dichiarato Valerio Bini, Presidente di Mani Tese, nel discorso riportato da Achille Tepa durante la cerimonia – che non si traduce semplicemente in un trasferimento di tecnologie o di mezzi finanziari ma, prima di tutto, in una relazione fra persone che si impegnano per un futuro più giusto. In questa relazione di amicizia vedo il futuro del Benin ma allo stesso tempo anche quello del mio paese, l’Italia, e dell’Europa, che grazie alla cooperazione potrà ritrovare il proprio vero volto, oggi sfregiato dall’egoismo dei suoi governi”.

Il senso di questa cooperazione è per me un’esperienza concreta – ha proseguito Biniche ho avuto la fortuna di poter vivere personalmente nel corso dei miei soggiorni nell’Atacora (regione a nord del Benin dove si sono svolti la maggior parte dei progetti di Mani Tese in questi anni). Si tratta dei visi delle persone che ho incontrato in quest’esperienza di cooperazione come quelli delle donne delle cooperative, che ho visto diventare sempre più determinate o come gli occhi del direttore della scuola del villaggio di Wansokou durante la festa per il venticinquesimo anniversario della scuola finanziata da Mani Tese nel 1987.

Tutto questo è stato possibile grazie all’impegno del popolo beninese e alla presenza del governo del Benin: questo accordo è il segno della fedeltà di una relazione che spero possa diventare in futuro ancora più profonda”.

Il Segretario Generale del Ministero, il signor Hervé D. Djokpe, rappresentante del governo beninese, nel proprio discorso ha illustrato i meriti di Mani Tese nella lotta contro la fame e il sottosviluppo in Benin presentando una sintesi delle azioni dell’ONG nel Paese, che hanno condotto al rinnovo dell’accordo. Un accordo che vuole essere il segno della riconoscenza e della soddisfazione dello Stato beninese per le notevoli azioni intraprese da Mani Tese nei confronti della popolazione del Benin.

scambio firme benin mani tese 2018
Achille Yotto Tepa, Rappresentante Paese di Mani Tese in Benin e Hervé D. Djokpe, Segretario Generale del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione del Benin, dopo la firma dell’accordo
console benin mani tese 2018
Vitaliano Gobbo, Console onorario d’Italia in Benin, si congratula con Mani Tese in presenza del Direttore di gabinetto del Ministero degli interni del Benin e del Direttore degli affari giuridici del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione del Benin
trova tutti gli articoli
 
Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

iscriviti alla nostra newsletter
Ricevi i nostri aggiornamenti