IN BREVE

I Portoghesi raggiunsero le coste della Guinea-Bissau nel 1446, ma ottenne l’indipendenza dallo stato solo negli anni settanta. Nel 1956 fu fondato da Amilcar Cabral il Partido Africano da Independência da Guiné e do Cabo Verde (PAIGC) che dal 1963 intraprese la lotta armata contro il dominio coloniale. Cabral fu assassinato nel gennaio del 1973 e, nell’aprile dello stesso anno, il movimento anticoloniale proclamò l’indipendenza del Paese, riconosciuta dal Portogallo solo dopo la caduta del regime di Salazar.

Dalla fine della colonizzazione, la Guinea-Bissau è costretta a misurarsi con un’instabilità cronica che ha visto il susseguirsi di numerosi colpi di stato. Nessun presidente, infatti, è finora riuscito a portare a termine il suo mandato. Il PAIGC, il partito che ha condotto il paese nella lotta per l’indipendenza, è tuttora il partito al potere, seppur profondamente diviso al suo interno.

La profonda crisi del Paese è stata oggetto di una recente risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, la n. 2267 del 2016, che estende fino al 2017 il mandato per l’operazione Uniogbis (UN Integrated Peacebuilding Office in Guinea-Bissau), al fine di rafforzare la sicurezza politica, garantire la democrazia e tutelare il rispetto di legalità e diritti umani. Il presidente José Mário Vaz è in carica dal 2014, sebbene nel corso del mandato si siano susseguiti numerosi primi ministri.

 

L’AZIONE DI MANI TESE

Mani Tese opera in Guinea-Bissau dal lontano 1979. Negli anni a seguire, ha svolto attività inerenti diverse tematiche: dall’appoggio alla salute, alla tutela dei diritti umani nelle carceri, passando per l’educazione e la sicurezza alimentare.

Mani Tese è impegnata attualmente in tre principali settori:

  • Il primo è quello della sovranità alimentare: attraverso interventi in ambito rurale a fianco di associazioni di produttori e ONG locali, si mira, da un lato, a rafforzare le organizzazioni contadine nelle proprie competenze di produzione e gestione e, dall’altro, a migliorare la produzione e, più in generale, tutta la filiera adottando e promuovendo i principi dell’agroecologia.  L’allevamento di piccoli animali, in particolare i polli, e l’orticoltura sono le filiere nelle quali Mani Tese è impegnata maggiormente. Mani Tese pone particolare attenzione alla sostenibilità costituendo, ove possibile, delle vere e proprie imprese sociali, come nel caso del CEDAVES (Centro per la produzione di polli e mangimi);
  • Il secondo settore è quello dei diritti umani: dopo alcuni anni di lavoro all’interno delle carceri, siamo al momento impegnati nella lotta contro la violenza sulle donne tramite azioni di sensibilizzazione e di promozione dell’autonomia socioeconomica delle donne e il supporto alle vittime di violenza e di matrimonio forzato e/o precoce;
  • Vi è poi un settore trasversale d’intervento che riguarda la migrazione che coinvolge i giovani, i migranti di ritorno e i Senegalesi rifugiati in attesa di naturalizzazione, in particolare nella Regioni di Gabu, Bafata e Cacheu. Mani Tese supporta la creazione di attività produttive e la formazione professionale al fine di promuovere lo sviluppo locale e nazionale.

dettagli paese

177 Ranking [UNDP, 2017]
84/1000 [al di sotto dei 5 anni. UNICEF,2018] 56/1000 [al di sotto di 1 anno. UNICEF, 2018]
1.43 ‰ [UNAIDS, 2018]
67 % [OMS, 2019]
Responsabile Paese Guinea-Bissau

Paola

Sono Paola Toncich, dopo la laurea in Sviluppo e Cooperazione Internazionale e un periodo di formazione e lavoro, sono partita per l’America Latina, dove la Bolivia mi ha accolto per 7 anni, un periodo che oltre che di lavoro considero di vita, durante il quale ho potuto scoprire il paese a 360 gradi. Inizialmente, mi […]

 
Progetti
In corso
realizzati