In evidenza

IL 2 MARZO MOBILITIAMOCI INSIEME PER RIBADIRE: “PRIMA LE PERSONE!”

Il 2 marzo a Milano si terrà la manifestazione per un mondo che metta al centro le persone, a cui anche Mani Tese aderisce.

13/02/2019

Prima dei confini viene l’umanità.

Lo abbiamo detto e lo stiamo ribadendo in molti modi e in diverse città.

Lo abbiamo manifestato alla Perugia-Assisi camminando dietro allo striscione “Voi chiudete i porti, noi apriamo le menti”.

Lo abbiamo detto a Faenza, Rimini, Treviso e Firenze con L’Italia che resiste, a Lecco, dove con Mani Tese Bulciago abbiamo preso parte alla catena umana per protestare contro la decisione di abbandonare i migranti in mare. Lo abbiamo ribadito a Catania in solidarietà alla Sea-Watch. A Venezia, in marcia per l’umanità. O a Finale Emilia dove abbiamo parlato di migrazione con gli studenti.

Lo abbiamo denunciato nell’ultimo numero del nostro giornale, dedicato all’emergenza dei diritti sempre più minacciati dai nazionalismi e dall’intolleranza.

Sono solo alcuni esempi di un impegno che non si ferma.

Il prossimo appuntamento è per il 2 marzo a Milano, dove si terrà la manifestazione nazionalePeople – Prima le persone”, alla quale anche Mani Tese aderisce per ribadire la necessità di un mondo che metta al centro le persone.

Perché il nemico non è lo straniero o ciò che è altro da noi, ma la diseguaglianza, lo sfruttamento, la condizione di precarietà.

Perché siamo per un’Europa che vuole scommettere su una rivoluzione delle politiche economiche, sociali e del lavoro a tutela di tutte le persone.

Perché ciascuno di noi è prima di tutto persona.

La nostra adesione alla manifestazione nazionale Prima le Persone è una scelta doverosa – ha dichiarato la nostra Presidente Sara de Simonecoerente con la nostra storia di battaglie al fianco dei più deboli. Oggi, la crisi delle politiche migratorie e delle politiche sociali ha portato a una progressiva perdita dei valori dell’accoglienza e dell’inclusione, generando sempre maggiore marginalità sociale ed economica anche in Italia.

Come Mani Tese, oltre a proseguire il nostro impegno al fianco dei popoli del Sud del Mondo, vogliamo impegnarci per un’Italia e un’Europa più umane, più giuste e più aperte, senza discriminazioni e senza muri”.

Aderisci all’appello

trova tutti gli articoli
 
Commenti

iscriviti alla nostra newsletter
Ricevi i nostri aggiornamenti