In breve

Il Nicaragua ha il PIL pro-capite più basso dell’America Latina dopo Haiti. La crescita del PIL negli ultimi anni è stata principalmente determinata dalla riattivazione del settore agricolo che da solo genera il 31% del PIL e circa il 60% delle esportazioni totali (banane, caffè, zucchero, carne e tabacco). Industria leggera, settore turistico, bancario, minerario, pesca e commercio sono settori in espansione anche se in concomitanza di una infrastruttura inadeguata, non si può prevedere alcuna tendenza positiva all’espansione dell’ export . L’incertezza sulla titolarità delle proprietà non fa che aggravare questa situazione, rimanendo anche in Nicaragua una delle questioni aperte nell’ambito della politica rurale che riguarda più del 20% della terra. Alcuni dati : il 57% della popolazione totale si concentra nelle zone urbane, principalmente nell’area del Pacifico; la speranza di vita alla nascita è di 74 anni [UNDP, 2010]; il tasso di alfabetizzazione della popolazione tra i 15-24 anni è dell’87%. La lingua ufficiale è lo spagnolo, accanto al quale si parlano lingue originarie quali miskito, sumu, rama e  garifuna. La capitale è Managua.

L’azione di Mani Tese

Data l’evidente necessità di incrementare la produttività agricola per migliorare le condizioni di vita delle zone rurali, Mani Tese ha scelto di concentrare il suo sforzo a favore della comunità contadina, con l’obiettivo di aumentare le opportunità di attività economiche. L’introduzione di miglioramenti nelle tecnologie agricole, nelle tecniche di produzione e gli incentivi alla produzione agricola sono gli strumenti scelti per favorire lo sviluppo delle attività economiche ed evitare il massiccio esodo verso le zone urbane. Mani Tese collabora con organizzazioni locali, tra le quali Cooperativa di Servizi Multipli “20 de Abril”, FDL (Fondo de Desarrollo Local, INPRHU (Instituto de Promoción Humana) e NITLAPAN.

dettagli paese

Ranking 124 [UNDP, 2016]
24/1000 [al di sotto dei 5 anni. UNICEF, 2012] 21/1000 [al di sotto di 1 anno. UNICEF, 2012]
0.3 % [UNICEF, 2012]
87.0 % [OMS, 2015]
Responsabile Cooperazione Internazionale

Giovanni

Sono Giovanni Sartor, laureato in Scienze Politiche con una tesi sulla transizione politica in Senegal, una volta conclusi gli studi ho cominciato fin da subito ad occuparmi di “mondo” lavorando per tre anni e mezzo come Responsabile di una casa di accoglienza per migranti, richiedenti asilo e studenti stranieri. Nel 2000 parto per il Kenya […]

 
Progetti
in evidenza
In corso
realizzati