Giustizia economica

L’allocazione delle risorse, i finanziamenti, la produzione, il consumo e tutte le altre fasi del ciclo economico hanno inevitabilmente implicazioni sulla vita delle persone singole, delle comunità, dei popoli e dei territori da questi abitati.

Su queste basi, per Mani Tese la giustizia economica implica la definizione di istituzioni e norme vincolanti che siano in grado di dare a ciascuno ciò che è dovuto per soddisfare tutti i bisogni umani fondamentali nel rispetto dei cicli naturali, secondo quanto sancito dalla Carta delle Nazioni Unite e dal diritto internazionale. Ciò risulta particolarmente importante nel promuovere sistemi economici in grado di salvaguardare e promuovere i beni comuni e l’interesse pubblico, secondo una logica redistributiva, prima del profitto individuale.

Come sancito dall’articolo 41 della Costituzione italiana: L’iniziativa economica privata è libera” ma “non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana. La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l’attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali”.

Mani Tese ritiene che tale dettato costituzionale possa e debba diventare il principio secondo cui definire una legislazione vincolante per le imprese pubbliche e private a livello nazionale ed internazionale, che preveda la possibilità di sanzionare le imprese che operano all’estero in violazione della normativa nazionale.

MANITESE OPERA IN 12 PAESI DEL MONDO